Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La sentenza avrà effetto dal primo gennaio 2019

Austria: la Corte Costituzionale autorizza i matrimoni gay


Austria: la Corte Costituzionale autorizza i matrimoni gay
06/12/2017, 11:33

VIENNA (AUSTRIA) - Anche in Austria le coppie gay potranno sposarsi regolarmente. L'ha stabilito la Corte Costituzionale, sollecitata da una coppia di donne che volevano sposarsi. Secondo la legge austriaca, i gay possono convivere con una "unione registrata", che dà loro quasi gli stessi diritti e doveri di un matrimonio ma non tutti. Per questo le due donne avevano chiesto di potersi sposare, ottenendo un rifiuto da parte delle autorità comunali. Da qui avevano presentato ricorso alla Corte Costituzionale, che ha dichiarato discriminatoria la distinzione tra matrimoni ed unioni registrate. Per questo a partire dal primo gennaio 2019 (a meno che il Parlamento non decida di fare una legge che anticipi i tempi) ogni coppia potrà decidere se contrarre matrimonio oppure una unione registrata. 

Così anche l'Austria si aggiunge a quel folto gruppo di Paesi che hanno attuato una legislazione paritaria tra le coppie omosessuali e le coppie eterosessuali, come avviene in Spagna, in Germania o in Francia. Ma non in Italia, dove il bigottismo religioso resiste ed impedisce di rendere il Paese più civile. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©