Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Le Camicie Rosse chiedono elezioni anticipate

Bangkok, il premier studia piano di riconciliazione


Bangkok, il premier studia piano di riconciliazione
21/05/2010, 18:05

BANGKOK - Il primo ministro thailandese Abhisit Vejjajiva ha annunciato oggi che "è stato ripristinato l'ordine" a Bangkok e che sarà condotta un'inchiesta indipendente su tutti gli eventi che hanno riguardato la protesta delle Camicie Rosse nella capitale. La notizia arriva due giorni dopo la fine degli scontri sul territorio thailandese, che hanno messo a soqquadro tutta la provincia di Bangkok.
Il capo del governo ha ricordato che il paese sta affrontando "sfide immense" e che le autorità locali hanno l'intenzione di proseguire il processo di riconciliazione per trovare una soluzione pacifica alle proteste delle Camicie Rosse che chiedono da tempo le sue dimissioni e il ritorno alle urne. Il ministro delle Finanze Korn Chatikavanij ha detto invece di attendersi elezioni anticipate: secondo lui è molto improbabile che l'attuale governo possa restare in carica fino alla fine del suo mandato nel 2012.
Nelle ultime settimane almeno 83 persone sono rimaste uccise negli scontri. Questa mattina le forze di sicurezza hanno compiuto una perlustrazione in una decina di edifici, tra cui due hotel di lusso, nel tentativo di trovare armi ed esplosivi abbandonati dai manifestanti fuggiti dall'area dei combattimenti nella capitale.
Ci sono sfide enormi davanti, ha dichiarato il premier thailandese Abhisit Vejjajiva in un discorso televisivo, e la prima e' "superare le divisioni del Paese". Il primo ministro ha quindi confermato di voler portare avanti il suo programma di riconciliazione nazionale in cinque punti - che il premier aveva proposto a inizio maggio – basato sulla "partecipazione, la democrazia e la giustizia. State sicuri che il governo ha ogni intenzione di portare avanti il Paese, sulla via della ripresa", ha detto Abhisit.
 Il primo ministro - il cui mandato scade a gennaio 2012 - non ha però menzionato la questione delle elezioni anticipate, per le quali fino al precipitare della situazione nell'ultima settimana era in piedi l'offerta di andare al voto il 14 novembre.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©