Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Dopo le piogge che hanno causato più di 380 morti

Bangkok, tregua meteo


Bangkok, tregua meteo
29/10/2011, 12:10

BANGKOK (THAILANDIA) -  Attimi di respiro e tregua, per la popolazione della capitale tailandese, soffocata da una settimana di piogge bibliche, che hanno completamente inondato e distrutto strade e case, e causato più di 380 morti oltre a numerosi dispersi, alzatasi stamattina con un lieve sole. Infatti l’emergenza alluvioni sembrava destinata a crescere a causa delle previsioni dei meteorologi che si aspettavo per questo week end 1,2 miliardi di metri cubi d'acqua. Dopo le critiche subite da parte dell’opinione pubblica, a causa della gestione della crisi non troppo perfetta, è ritornata a parlare la premier tailandese Yingluck Shinawatra, visibilmente colpita dal violento evento, che si è dichiarata fiduciosa verso un miglioramento della situazione, "Se tutti lavoreranno sodo, le acque a Bangkok inizieranno ad abbassarsi già dalla prima settimana di novembre",  smentendo così le precedenti dichiarazioni. in cui dava Bangkok alluvionata per almeno un mese. Nella città le zone più critiche sono registrate nella parte antica e nel quartiere cinese, mentre il centro cittadino è invece restato perfettamente all'asciutto.  Nel frattempo diversi governi hanno sconsigliato ai connazionali di recarsi a Bangkok, anche se l'aeroporto internazionale Suvarnabhumi funziona regolarmente. La Banca di Thailandia ha annunciato una diminuzione delle previsioni di crescita dal 4,1% al 2,6% per il 2011, dovuta ai danni della catastrofe naturale sulla produzione agricola e l'attività manifatturiera.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©