Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La fabbrica produceva abbigliamento per esportazione

Bangladesh, fabbrica in fiamme. Morti salgono a 121


Bangladesh, fabbrica in fiamme. Morti salgono a 121
25/11/2012, 10:14

BANGLADESH – E’ di circa 121 morti il bilancio delle vittime di un incendio divampato in una fabbrica di abbigliamento per esportazione alla periferia di Dacca, capitale del Bangladesh. Lo hanno reso noto i vigili del fuoco. Le fiamme sono divampate nella tarda serata di sabato intrappolando centinaia di lavoratori nei piani alti dell'edificio. L'incendio è stato domato in mattinata dopo quattro ore di lavoro da parte dei pompieri.
La fabbrica Tazreen Fashion, di nove piani, sorge nell'area industriale di Dacca ed esporta vestiario soprattutto per le grandi catene americane, come Walmart. Secondo il quotidiano bengalese The Daily Star erano circa 250 gli operai che si trovavano in fabbrica per il turno serale. L'ultimo bilancio ufficiale parla di 124 morti, ma i soccorritori sono ancora impegnati a perlustrare l'edificio.
"Le fiamme si sono sviluppate al piano terra dove erano immagazzinate grandi quantità di cotone", ha detto Monsur Khaled, responsabile di un'unità di crisi dell'Associazione del Bangladesh dei produttori e esportatori di abbigliamento (Bgmea). L'incendio ha quindi impedito agli operai di scappare dall'edificio.
Diversi dipendenti presi dal panico si sono buttati dalle finestre, mentre una cinquantina sono stati soccorsi dalle squadre dei pompieri. Non è il primo caso questo, in quanto sono purtroppo frequenti questi tipi di incidenti in Bangladesh dove spesso non sono osservate le norme di sicurezza, gli impianti elettrici sono difettosi e le fabbriche sovraffollate. Nello stesso distretto di Ashulia, dove è concentrata la produzione tessile, un incendio di un'altra fabbrica di abbigliamento due anni fa aveva causato la morte di 25 operai. L'industria tessile, dedicata quasi tutta all'esportazione negli Usa e in Europa, impiega circa 2 milioni di persone.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©