Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dopo la strage di Newtown

Barack Obama pensa al bando delle armi d’assalto


Barack Obama pensa al bando delle armi d’assalto
18/12/2012, 09:59

USA  - Mentre Newtown celebra i primi funerali dei suoi bimbi rimasti vittima della follia venerdì, l’America si interroga su di una regolamentazione dell’uso delle armi nel Paese. Ed è lo stesso presidente, Barack Obama, a prendere posizione in merito.  

La  “Casa Bianca”, infatti, oggi ha comunicato che il presidente ha in mente un maggiore controllo delle armi, a partire dal bando delle armi d'assalto, imposto da Bill Clinton nel 1994 e scaduto nel 2004 sotto l'era di George W. Bush, che non è mai stato rinnovato.

Il dibattito sulle armi, si era infiammato, a seguito dell’ affermazione shock di un deputato repubblicano del Texas, Louie Gohmer, secondo il quale per prevenire gli omicidi di massa negli Stati Uniti occorre che più americani abbiano armi.

"Il controllo delle armi è  solo una delle misure necessarie per ridurre la violenza", ha detto il portavoce Jay Carney. Il problema, ha aggiunto, è complesso e richiede diverse soluzioni" anche se "tutti riconosciamo che dobbiamo cambiare la situazione in questo paese" perchè quella attuale "ha portato troppe morti senza senso".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©