Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'outlook della stabilità finanziaria rimane in bilico

Bce, migliora la situazione ma il rischio è ancora alto


Bce, migliora la situazione ma il rischio è ancora alto
15/06/2011, 19:06

Roma - Nonostante il miglioramento dell'economia e del panorama finanziario globale e dell'Area Euro, l'outlook generale relativo alla stabilità finanziaria della Zona Euro rimane difficile. In particolare, le importanti decisioni introdotte dall'Unione Europea per mitigare la vulnerabilità del comparto finanziario non sono sufficienti a superare tutte le difficoltà e resta elevato il rischio di contaminazione tra finanza e debiti sovrani. Lo si legge nel Rapporto sulla Stabilità Finanziaria pubblicato dalla Banca Centrale europea. Alla luce delle implicazioni potenzialmente molto pericolose relative alla ristrutturazione del debito sovrano per il paese debitore la BCE invita a concentrarsi sul miglioramento dei fondamentali a livello di macroeconomia e di riforme politiche strutturali. Di fatto, sentenzia la BCE, i programmi di aggiustamento negoziati tra le autorità europee e il Fondo Monetario Internazionale devono essere rigorosamente implementati. Ad ogni modo, secondo l'Eurotower le tensioni che hanno richiesto aiuti da UE e FMI contrastano con elementi che indicano un rafforzamento della fiducia, in particolare in quei Paesi in cui si è assistito alla crescita dei rendimenti dei titoli di Stato. Nonostante ciò, la vulnerabilità delle riserve continua ad essere il tallone d'Achille di molte banche europee, soprattutto quelle di Paesi che affrontano severe sfide fiscali, spiega il report, aggiungendo che eventuali nuove perdite dalle banche potrebbero giungere dalla sopravalutazione degli immobili residenziali. In alcuni Stati, i loro prezzi continuano ad essere superiori al valore reale, anche se il trend è in calo. Tra le Nazioni maggiormente a rischio la Francia, dove gli immobili hanno una valutazione superiore del 30% rispetto al +45% del 2007. In Italia la percentuale è passata dal 20% al 10%.

Commenta Stampa
di v.e.
Riproduzione riservata ©