Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

L'obiettivo sarebbe il figlio dell'ex premier libanese

Beirut, attentato in centro: decine di morti e feriti

L'esplosione è stata causata da un'autobomba

Beirut, attentato in centro: decine di morti e feriti
27/12/2013, 09:27

BEIRUT - Stamane Beirut si è svegliata sotto attacco. Da quanto riferito dall’agenzia ufficiale libanese, una potentissima esplosione in pieno centro è stata causata da un'autobomba guidata da un kamikaze.
La deflagrazione è avvenuta nella zona del Four Seasons Hotel, dove sorgono banche, il ministero ed anche il il Serail, il complesso roccaforte del governo e dove si trova l'ufficio del premier, Najib Mikati. A pochi passi da lì il 14 febbraio del 2005 venne ucciso in un attentato l'allora premier libanese Rafiq Hariri e a poche centinaia di metri sorge la sede del governo. E secondo i media libanesi l’obiettivo era una personalità politica, forse uno dei leader del movimento “14 marzo”, il movimento che fa capo proprio a Saad Hariri, figlio dell'ex premier ucciso. L'uomo si stava recando a una riunione di una corrente del movimento, al Mustaqbal (Il Futuro), guidata proprio da Saad Hariri.
La Croce Rossa riferisce che il bilancio è di almeno 15 morti e decine di feriti mentre le televisioni Al Arabiya, Al Jazeera e Future Tv mostrano le immagini di auto e corpi in fiamme nelle strade vicino al luogo dell'esplosione, schegge ad oltre 500 metri dall’esplosione, diverse ambulanze sono sul posto per soccorrere i feriti e colonne di fumo nero che si ergono trai palazzi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©