Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Previsti incontri con i leader israeliani e con Abu Mazen

Berlusconi è in Israele per una tre giorni di visite


Berlusconi è in Israele per una tre giorni di visite
01/02/2010, 09:02

GERUSALEMME - E' iniziata la tre giorni che vedrà il Presidente italiano Silvio Berlusconi in Israele, impegnato in un tour de Force di incontri e commemorazioni: oggi la Foresta delle Nazioni e il Museo dell'Olocausto Yad Vashem; stasera incontro con il Primi Ministro Benjamin Netanyahu a cena. Poi domani una serie di incontri bilaterali, con conferenza stampa finale; infine mercoledì il discorso alla Knesset, il parlamento israeliano, seguito dall'incontro col presidente israeliano Simon Peres, la visita alla Basilica della Natività e l'incontro con il presidente dell'Anp Abu Mazen.
Prima di arrivare, Berlusconi parlando con i giornalisti ha detto che Israele dovrebbe intavolare trattative diplomatiche con la SIria e restituire le alture del Golan, territorio siriano che Israele conquistò militarmente nel 1967, durante la cosiddetta Guerra dei Sei Giorni. Inoltre ha aggiunto che il governo di Tel Aviv dovrebbe smettere di costruire le colonie in territorio palestinese. Infine ha attaccato l'Iran dicendo che non è ammissibile che quel Paese abbia armi nucleari, e che bisogna adottare "sanzioni efficaci".
Normalmente, dichiarazioni del genere da parte di un capo di Stato straniero in visita genererebbero titoli di giornali ostili e magari qualche discussione; ma ormai all'estero sanno chi è Berlusconi e il valore di ciò che dice, e quindi tutto si è risolto con un sorriso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©