Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

A margine della riunione del G8 in Francia

Berlusconi ad Obama: "In Italia una dittatura di giudici di sinistra"



Berlusconi ad Obama: 'In Italia una dittatura di giudici di sinistra'
26/05/2011, 17:05

DEAUVILLE (FRANCIA) - Non credevano ai loro occhi, i giornalisti che stanno seguendo il G8 a Deauville, in Francia. Sul circuito televisivo interno (quello che consente di guardare cosa succede senza affollare la sala) hanno visto il Presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi che si avvicinava al Presidente statunitense Barack Obama, gli metteva una mano sulla spalla e gli diceva: "Noi abbiamo presentato una riforma della giustizia che per noi è fondamentale, in Italia abbiamo quasi una dittatura dei giudici di sinistra". SOno stati solo due minuti, ma tutti i giornalisti presenti hanno potuto vedere questo.
Negative le reazioni del Pd, a cominciare da quelle del vicepresidente dei deputati del Pd, Alessandro Maran: "Le agenzie riferiscono che Berlusconi ha avuto un colloquio di ben due minuti, 120 secondi con il presidente degli Stati Uniti. E, indovinate su cosa il nostro presidente del Consiglio ha intrattenuto Barack Obama ritardando l'apertura del summit e indispettendo Nicolas Sarkozy e Angela Merkel? Sulla quasi 'dittatura dei giudici di sinistra' in Italia. Certo, gli argomenti all'ordine del giorno dei 'grandi' riuniti a Deauville in Francia sono la primavera araba, la decisione su un eventuale sostegno finanziario ai paesi nordafricani in transizione verso la democrazia, la situazione in Medio Oriente, la successione alla guida del Fmi. Ma Berlusconi ha una sola ossessione e noi, di fronte al mondo, facciamo un'altra brutta figura".
Più sintetico ma egualmente duro quello di Leoluca Orlando, dell'Idv: "Berlusconi continua a gettare discredito sul nostro Paese. Le dichiarazioni rese a Obama al vertice del G8 sono solo la conferma di quanto poco rispetto abbia per gli italiani, la Costituzione e per l'equilibrio fra i tre poteri che sono alla base del nostro sistema  democratico"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©