Dal mondo / America

Commenta Stampa

Gli è stata sbloccata un'arteria ostruita nel cuore

Bill Clinton operato d'urgenza al cuore


Bill Clinton operato d'urgenza al cuore
12/02/2010, 09:02

NEW YORK - Ha rischiato di non farcela, l'ex Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Già da alcuni giorni avvertiva un dolore al torace, ma il maltempo lo teneva bloccato nella sua casa di Manhattan. Poi finalmente è stato portato ieri al Columbia Presbyterian Hospital, dove è stata riscontrata l'ostruzione di una arteria coronarica, cioè di una delle arterie che portano sangue al cuore. Di conseguenza è stato immediatamente operato, con l'applicazione di due stent (quelli che vengono chiamati anche "palloncini", anche se il termine è improprio, visto che hanno la forma di una rete metallica o di una molla, ndr) nell'arteria in questione, in modo da allargarla e permettere nuovamente il passaggio del sangue. L'intervento è stato eseguito con la massima urgenza, date le condizioni del paziente, che già nel 2004 si sottopose ad un intervento per mettere 4 by-pass. Ma ora è andato tutto bene e le considizioni fisiche si sono immediatamente ristabilite.
Nel frattempo aumentano le voci di una forte tensione tra i coniugi Clinton, a causa di un libro, "Game-Chance" nel quale si svelano alcuni retroscena poco edificanti per lui. Per esempio, è noto che uno dei punti forti di Barack Obama è stato l'appoggio di Ted Kennedy, che l'ha aiutato a battere la sua rivale Hillary Clinton. Nel libro si racconta che la scelta di campo del defunto senatore sia stata dovuta al fatto che durante un incontro con i Clinton, Bill abbia detto, ad un certo punto: "Uno come Obama  ancora pochi anni fa a noi due ci avrebbe servito il caffè". La battuta avrebbe indignato Kennedy al punto da voltare le spalle ai Clinton.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©