Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

A rivelarlo i vertici Nato alla Bbc: sarebbe in Pakistan

Bin Laden nascosto nelle grotte? Macché: vive in una casa


Bin Laden nascosto nelle grotte? Macché: vive in una casa
19/10/2010, 17:10

Altro che grotte e cunicoli a prova di bombe intelligenti. Lo “sceicco del terrore”, dall’inizio dell’attacco all’Afghanistan, forse non se la passa poi così male come invece in molti credono. È braccato dalle forze alleate ma gode anche di ottime coperture che gli permettono una latitanza d’oro. Probabilmente ora è in Pakistan, in una comoda casa di montagna, magari con caminetto e ben arredata. A rivelarlo sono i vertici Nato, che alle antenne della Cnn affidano il messaggio proprio mentre a Roma il ministro degli Esteri Franco Frattini discute con l’omologo afghano Zalmai Rassoul sulle nuove strategie da adottare in Afghanistan.
Nel rifugio pachistano Bin Laden sarebbe in compagnia del suo braccio destro Ayman Al Zawahiri. “Nessuno dei capi di Al Qaida vive una grotta”, spiega un anonimo funzionario Nato ai giornalisti della Cnn. Il messaggio è chiaro. I vertici dell’organizzazione terrorista non sono fuggiaschi allo sbando, ma godono di protezioni ad alto livello.
La fonte Nato disegna un’accurata mappa della latitanza del capo di Al Qaida. Bin Laden, dopo un lungo periodo tra le vette del Chitral, alla convergenza le frontiere di Cina, Pakistan e Afghanistan, sarebbe tornato nelle zone di confine pachistane contigue al vecchio nascondiglio di Tora Bora, il dedalo di cunicoli e grotte sotterranei in cui si ritrovò assediato alla fine del 2001. A non troppa distanza da lui in una residenza altrettanto comoda, ben servita e sempre in territorio pachistano vivrebbe anche il suo braccio destro, il medico egiziano Al Zawahiri.
 

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©