Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Birmania, dopo mezzo secolo abolita la censura sui media

Lo annuncia il governo in un comunicato stampa

Birmania, dopo mezzo secolo abolita la censura sui media
20/08/2012, 09:50

Dopo le pubblicazioni ideologicamente meno sensibili, arriva la volta di quelle locali. A partire dal 20 agosto 2012 cessa la censura sull’informazione. Lo annuncia il governo della Birmania attraverso un comunicato stampa, ponendo fine alle severe restrizioni che erano in vigore dal 1962. Il processo di riforma del paese è iniziato con la scarcerazione di molti prigionieri politici, tra i quali quella del premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi. Poi nel settore dell’informazione, l’anno scorso il paese aveva concesso la libertà su pubblicazioni quali ad esempio testi di canzoni o fiabe. Ora tocca ai veicoli d’informazione politica e religiosa, un grande passo in avanti per la Birmania.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©