Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Birmania, liberati 600 prigionieri politici

Un atto di clemenza firmato da Thein Sein

Birmania, liberati 600 prigionieri politici
13/01/2012, 19:01

La Birmania verso la democrazia. Il presidente Thein Sein ha firmato un atto di clemenza, attraverso il quale ha dato la libertà dal carcere a circa 650 detenuti. Si tratta di attivisti politici, giornalisti, ci sarebbe anche un ex primo ministro. Si tratta di Khin Nyunt, rovesciato nel 2004 dopo uno scontro di potere con i militari. Tra i “liberati”, figura anche Min Ko Naing, ex leader del gruppo studentesco ''88 Generation Students Group'', a capo delle rivolte represse del 1988.  Le elezioni nel Paese sono previste per il primo aprile, e vi parteciperà anche Aung Sang Suu Kyi, premio Nobel per la pace.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©