Dal mondo / America

Commenta Stampa

Attacchi alle strutture elettorali con incendi e devastazion

Bolivia: Evo Morales verso la vittoria, ma l'opposizione reagisce con violenza


Bolivia: Evo Morales verso la vittoria, ma l'opposizione reagisce con violenza
22/10/2019, 10:37

LA PAZ (BOLIVIA) - Quando sono state scrutinate oltre il 95% delle schede, Evo Morales è in testa nelle elezioni presidenziali in Bolivia. Finora è accreditato del 46,86%, mentre il suo avversario - esponente della destra legata agli interessi statunitensi - Carlos Mesa è al 36,73% dei voti. Ma sarà importante aspettare lo scrutinio fisico di tutte le schede. Infatti, per la legge boliviana, il presidente viene eletto al primo turno se supera il 50% dei voti o se ha una distanza sull'avversario più vicino di almeno 10 punti percentuali. Come si vede, per ora la differenza è proprio di 10 punti, più qualche decimale. Quindi anche una piccola deviazione potrebbe essere decisiva. 

Ma Mesa ha già dichiarato che non intende accettare il risultato elettorale e che Morales ha vinto mediante brogli elettorali (che nessuno ha certificato o denunciato ad elezioni in corso, ndr). E i suoi sostenitori hanno attaccato diversi edifici elettorali, incendiando a Sucre (capitale amministrativa del Paese) un tribunale elettorale. A La Paz, Chuquisaca e Oruro il conteggio delle schede è stato sospeso per mettere al sicuro gli scrutinatori ed evitare che i facinorosi facessero loro del male. Purtroppo anche in questo caso come in Venezuela, alla democrazia la destra sa rispondere solo con la violenza. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©