Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il capo della Farnesina a Teheran per discutere del nucleare

Bonino a Teheran: "Bisogna tenere i nervi a posto"

Discusso anche l'intervento iraniano in Siria

Bonino a Teheran: 'Bisogna tenere i nervi a posto'
22/12/2013, 10:59

TEHERAN - Il ministro degli Esteri Emma Bonino si trova in Iran per una visita di due giorni durante la quale è previsto l’incontro con il presidente iraniano Hassan Rohani e il ministro degli Esteri iraniano Mohamed Zarif per discutere la questione dell’utilizzo dell’energia nucleare, sul quale l’Italia chiede all’Iran l’assunzione di responsabilità, e la crisi siriana, “una catastrofe senza precedenti”. L’Italia infatti chiede da vari mesi un coinvolgimento dell’Iran, a sua detta necessario, nel programma di risoluzione della crisi siriana. “Diretto o indiretto è da vedere”, dice la Bonino, in riferimento al coinvolgimento dell’Iran, spiegando che comunque è necessario un intervento del Paese e un “approccio collegiale”, viste anche le resistenze poste dagli Stati Uniti.

A un mese dallo storico accordo di Ginevra sul nucleare, il ministro degli Esteri Bonino ha inviato a Teheran anche un altro importante messaggio. Il vertice della Farnesina, infatti, invita ad evitare errori tattici o di eccessivo nervosismo, in cui si potrebbe facilmente inciampare in momenti di fragilità diffusa. “Bisogna tenere i nervi a posto – ha spiegato la Bonino – e chi ha la consapevolezza ha il dovere di essere più disciplinato degli altri”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©