Dal mondo / America

Commenta Stampa

Brasile: 13enne stuprata dal padre e messa incinta


Brasile: 13enne stuprata dal padre e messa incinta
18/03/2009, 09:03

Ancora un caso, in Brasile, di una ragazzina stuprata dal padre e messa incinta. In questo caso si tratta di una tredicenne, incinta di 4 mesi. Normalmente la legge brasiliana impone l'aborto al di sotto dei 14 anni, in caso di stupro, perchè si tratta comunque di organismi ancora in formazione (la gravidanza impone importanti deformazioni ormonali, ossee ed organiche al corpo femminile; a 13 anni l'organismo non si è formato); tuttavia in questo caso i legali della bambina (nominati e pagati da chi? Non si sa, ndr) hanno chiesto all'equivalente della Procura minorile di consentire alla bambina di portare avanti la gravidanza, come lei desidera. Essendo il Brasile ancora scosso dalle polemiche scatenate dalla scomunica con cui l'arcivescovo di Recife colpì poche settimane fa i medici che avevano fatto abortire una bambina di 9 anni, anche lei stuprata ripetutamente dal padre ed incinta di due gemelli, la Procura ha deciso di fare una eccezione, è così la bambina - che è orfana di madre e il cui padre è adesso detenuto - non ha altri parenti che decidano per lei e avrà il figlio.
Così tutti felici e contenti. Salvo due dettagli: nessuno si è chiesto perchè una bambina orfana di madre vuole avere un figlio? Il secondo: come farà una bambina di 13 anni a crescere il figlio? Con quali risorse economiche? Con quale esperienza?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©