Dal mondo / America

Commenta Stampa

Un altro giocatore è rimasto ferito, l'omicida è in fuga

Brasile: arbitro accoltella ed uccide un giocatore


Brasile: arbitro accoltella ed uccide un giocatore
24/08/2010, 15:08

FORTALEZA (BRASILE) - Non è la prima volta che le partite di calcio nei Paesi del Centro e del Sud America finiscono in rissa. Il sangue caliente di quelle popolazioni porta alle volte ad esagerare; cosa alquanto più frequente nei campionati minori e con le squadre amatoriali. E non di rado, il bersaglio della rissa è l'arbitro.
Ma questa volta, nella partita tra Barreira e Redenciòn, due squadre amatoriali brasiliane, è finita diversamente. Le due squadre, che si affrontavano a pochi chilometri dalla città di Fortaleza, in Brasile, ad un certo punto si sono fermate, perchè i giocatori dell'una protestavano con l'arbitro per un fallo non assegnato e i giocatori dell'altra stavano a guardare. Durante la concitata discussione, l'arbitro ha messo mano ad un coltello che aveva in tasca e ha cominciato a menare fendenti. Con uno di questi ha ucciso il 28enne Josè Ramos da Silva e ferito alla spalla il fratello, che era intervenuto per difenderlo. Dopo di che l'omicida si è dato alla fuga.
Naturalmente partita interrotta e corsa in ospedale, dove però da Silva è arrivato cadavere.
La Polizia ha lanciato una gigantesca caccia all'uomo, ma dopo 48 ore ancora non è stata trovata traccia dell'assassino.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati