Dal mondo / America

Commenta Stampa

800 uomini stanno rastrellando le favelas a nord di Rio

Brasile, guerra ai narcos: guerriglia a Vila Cruzero


Brasile, guerra ai narcos: guerriglia a Vila Cruzero
26/11/2010, 15:11

RIO – Dopo cinque giorni di scontri a Rio, il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha inviato 800 uomini delle forze armate, insieme ad uomini e mezzi dell’aeronautica e della Polizia Federale. Ieri, in una operazione di polizia senza precedenti, con l’ausilio di mezzi corazzati della marina ha occupato Vila Cruzeiro, nel Complexo da Penha (a nord di Rio), dopo 40 ore di intense sparatorie con i trafficanti di droga e criminali del luogo.

La mobilitazione delle forze di polizia brasiliane è verso la lotta ai trafficanti di droga, e si sono spostati nel Complexo do Alemão, dove 200 criminali rifugiati nella favela sono in fuga dopo gli scontri di ieri al Vila Cruzeiro.

Un agente di polizia militare, è stato ferito alla testa durante una sparatoria tra agenti federali, polizia militare e trafficanti di droga vicino alla favela Grota nel Complexo do Alemão nella zona nord di Rio. I criminali si trovano tutt’ora in un bunker nei pressi della baraccopoli, a meno di 100 metri da dove la polizia è alloggiata in assetto di guerra.

Intanto dopo gli scontri di ieri, gli agenti della polizia di stato e polizia militare a Villa Cruzeiro, stanno rastrellando casa per casa alla ricerca dei criminali rimasti sul posto, dove sono ancora visibili gli scontri di ieri dove sono stati bruciati tre camion, tagliati i fili elettrici lasciando al buio la regione.

Presso Maritaim Jaques Street, Old Street 14, sono state ritrovate una trentina di moto abbandonate, che sono stati sequestrati dalla polizia, mentre al 13th Street, dove gli spacciatori avevano trovato rifugio nel suo bunker, non sono state trovate tracce dei trafficanti , probabilmente le moto sono state abbandonate al momento della sparatoria con gli agenti di polizia.

il presidente Lula da Georgetown, dove è in visita nella capitale della Guyana, ha tranquillizzato i cittadini di Rio: "Non è umanamente possibile che il 99% delle persone sono vittime di abusi da parte di delinquenti che vivono nell’illegalità. Pertanto la popolazione di Rio potrà star tranquilla al 100% perché il governo brasiliano è pronto ad intervenire". Intanto una richiesta formale di assistenza per un intervento di garanzia della legge e dell'ordine nella metropoli brasiliana è stato fatto ieri dal suo governatore Sérgio Cabral.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©

Correlati