Dal mondo / America

Commenta Stampa

Non può essere concesso a chi ha commesso reati all'estero

Brasile: Procura chiede revoca visto di soggiorno per Battisti


Brasile: Procura chiede revoca visto di soggiorno per Battisti
14/10/2011, 09:10

BRASILIA (BRASILE) - Non sembrano essere finite le vicissitudini per Cesare Battisti. Dopo la decisione della Corte Suprema brasiliana di concedergli un permesso di residenza ad personam, per evitargli l'estradizione in Italia, dove deve scontare quattro ergastoli per una serie di omicidi, la discussione sembrava chiusa.
Ma a riaprirla ci ha pensato la Procura di Brasilia, che ha chiesto la revoca del visto di ingresso a Battisti, in quanto dato in violazione delle leggi brasiliane, che non consentono di accogliere persone che sono state condannate per reati per cui è prevista l'estradizione. E questo era il caso, dato che Cesare Battisti era stato condannato in Italia. Anche se il processo ha portato alla decisione di non estradare il terrorista italiano, il requisito di base resta. E secondo Helio Heringer, procuratore capo di Brasilia, questo giustifica la revoca del visto di ingresso.
Anche se forse c'è dell'altro dietro. Infatti, secondo molti commentatori, i magistrati hanno visto nella decisione di non estradare Battisti una sfida della politica alla magistratura; e quindi quest'ultima potrebbe essere tentata di restituire la cortesia

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©