Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ora la questione verrà esamniata non prima di febbraio

Brasile: respinta la richiesta di scarcerazione per Battisti


Brasile: respinta la richiesta di scarcerazione per Battisti
07/01/2011, 09:01

BRASILIA (BRASILE) - Niente libertà per Cesare Battisti: il presidente del Supremo tribunale federale del Brasile, Cezar Peluso, ha respinto l'istanza di scarcerazione presentata dai legali dell'ex appartenente ai Proletari armati per il comunismo all'indomani della decisione dell'ex Presidente Ignacio Lula da Silva che rifiutava l'estradizione in Italia di Battisti. Ora scattano le ferie della magistratura brasiliana, quindi non si parlerà di altre istanze fino a febbraio.
La notizia non è stata accolta bene da Luis Roberto Barroso, legale di Battisti, che ha definito la decisione di Peluso, presa senza convocare l'intero tribunale "una specie di colpo di stato". Inoltre la decisione, secondo la nota stilata da Barroso, viola il principio della divisione dei poteri, perchè in contrasto con la decisione di Lula.
Nel frattempo molti giuristi brasiliani, interpellati dai mass media, hanno giudicato legalmente sbagliata la decisione sulla mancata estradizione dell'ex terrorista, in quanto è una scelta che viola il trattato di estradizione con l'Italia. E hanno specificato che, se l'Italia dovesse appellarsi al Tribunale internazionale edll'Aja, il Brasile sarebbe sicuramente soccombente.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©