Dal mondo / America

Commenta Stampa

La legge voluta dal pastore Marco Feliciano

Brasile: ritirata prima del voto la legge per la "cura" ai gay


Brasile: ritirata prima del voto la legge per la 'cura' ai gay
03/07/2013, 15:58

BRASILIA (BRASILE) - Può sembrare un controsenso, in uno dei Paesi considerati sessualmente liberi, ma il Brasile è andato vicino ad approvare una legge che - in contrasto ocn le direttive dell'Organizzazione Mondiale della Sanità - considerava l'essere gay una malattia, da trattare con un trattamente psicologico e psichiatrico (cioè anche con medicine). Per fortuna il pericolo è stato evitato: poche ore prima della discussione in Parlamento, la legge è stata ritirata. 
La legge era stata redatta dalla Commissione diritti umani, presieduta dal pastore evangelico Marco Feliciano, personalità contropversa per la sua omofobia e il suo razzismo. Il quale ha combattuto per la sua legge fino all'ultimo: sabato scorso ha organizzato una manifestazione a difesa della sua legge, sostenendo che "L’omosessualità non è una malattia, ma un comportamento. E essendo un comportamento può essere riorientato". Una idea che è in completo contrasto con la realtà e con le norme dell'Oms, che hanno eliminato da 40 anni l'omosessualità dal novero delle malattie.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©