Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'ex presidente potrebbe essere stato intrappolato

Brasile: scoperta chat tra il giudice che ha condannato Lula e il Pm


Brasile: scoperta chat tra il giudice che ha condannato Lula e il Pm
11/06/2019, 09:41

BRASILIA (BRASILE) - Potrebbe essere il più grande scandalo giudiziario del Brasile, quello scatenato dalle scoperte del sito giornalistico The Interceptor. In particolare, è stata violata la chat Istagram del giudice Sergio Moro (adesso è Ministro delle giustizia del governo Bolsonaro) e del Pubblico Ministero Deltana Dallagnoi. Il problema è che il secondo è quello che ha istituito il processo che ha visto Lula condannato per corruzione, il primo è quello che l'ha condannato. Quindi c'è il sospetto che ci sia stata malafede, una malafede diretta a far vincere Bolsonaro, visto che Moro è ministro del suo governo. Infatti c'è da ricordare che alle elezioni Lula non ha potuto partecipare proprio per le sue grane giudiziarie. Così si spiegano alcuni episodi "strani", come la pubblicazione di una intercettazione coperta dal segreto istruttorio in cui la presidente di allora Djilma Rousseff propone di nominare Lula Ministro della Casa Civile (posizione equivalente a quella di Presidente del Consiglio, ma con meno poteri, dato che in Brasile vige un sistema presidenziale, ndr) per dargli l'immunità e salvarlo dall'arresto. 

Interessante una frase detta da Moro nel 2016, durante il processo, e riportata da Repubblica: "Chi indaga e decide cosa fare è il pubblico ministero e la polizia federale. Il giudice è reattivo. Il giudice deve coltivare queste virtù passive. Mi infastidiscono le critiche infondate sul mio lavoro dicendo che in realtà sono un giudice istruttore". Peccato che nello stesso periodo Moro concordasse con Dallagnoi quali prove portare al processo contro Lula. Quindi non un ruolo reattivo, ma un ruolo attivo e finalizzato all'obiettivo di condannare Lula. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©