Dal mondo / America

Commenta Stampa

Brasile: tra inondazioni e frane, quasi 400 vittime

La zona più colpita è quella della 'serra' di Rio de Janeiro

Brasile: tra inondazioni e frane, quasi 400 vittime
13/01/2011, 18:01

RIO DE JANEIRO -  Nello stato di Rio de Janeiro continuano a cadere forti piogge; in aumento anche gli smottamenti e le inondazioni. Triste il bilancio delle vittime, che è quasi arrivato a 400, gli sfollati si contano ormai a migliaia. La zona più colpita è quella della "serra" con  le città di Teresopolis e Petropolis. Nella prima si contano 163 morti, nella seconda 39; a Nova Friburgo ci sono state 169 vittime. Tutte e tre le località risultano le più colpite perché posizionate in zone più impervie e prive di un piano urbanistico e controlli adeguati. "Sembravano le immagini dello tsunami in Indonesia", ha commentato in televisione un uomo che è sopravissuto per miracolo a Teresopolis dopo aver visto a tempo l'onda di fango carica di case e alberi abbattuti venirgli addosso a 60 chilometri all'ora. Il governatore dello stato di Rio, Sergio Cabral, ha chiesto l'intervento delle Forze armate dopo aver sorvolato assieme alla nuova presidente brasiliana, Dilma Rousseff, le zone più colpite. La Rousseff ha percorso le vie allagate di Nova Friburgo e si è incontrato con i superstiti dell'inondazione. L'intervento delle forze dell'ordine sarà necessario non solo per coadiuvare gli sforzi dei soccorritori e della Croce Rossa, ma anche per evitare saccheggi nelle località e nei quartieri che le autorità hanno fatto sfollare come misura preventiva.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©