Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

BRASILE, UNA LEGGE NATA PER LE DONNE, DIVENTA STRUMENTO DI TUTELA DELL'UOMO


BRASILE, UNA LEGGE NATA PER LE DONNE, DIVENTA STRUMENTO DI TUTELA DELL'UOMO
11/12/2008, 17:12

Nel 2006 il presidente brasiliano Lula decise di promulgare una legge in difesa delle donne che subivano violenza all'interno delle mura domestiche. In Brasile, e non solo in quel paese, gli abusi sulle donne erano diventati un problema, si doveva intervenire in qualche modo. E allora è nata una legge, la "Ley de Maria da Penha", dal nome di una donna che subì violenze tali dal marito che rimase paraplegica.

 

Ma succede anche che la legge possa essere applicata all'inverso. Pare, infatti, che un uomo si sia rivolto al tribunale per denunciare le continue minacce, gli abusi psicologici e fisici, perpetrati nei suoi confronti dalla moglie. Non solo. Per sostenere la sua tesi l'uomo ha fornito al giudice del tribunale di Cuiaba una serie di documenti che proverebbero l'abuso psicologico, fisico e anche finanziario a cui sarebbe sottoposto da anni. Lo stesso giudice che si sta occupando del caso ha affermato che non succede spesso che si debba interpretare una legge approvata in difesa delle donne per fatti accaduti nei confronti di un uomo.  Il giudice, che non ha avuto dubbi nell'applicazione della legge "per le donne", accogliendo in pieno le richieste dell'uomo, ha condannato la donna a stare a una distanza di 500 metri dal compagno vietandole, inoltre, di cercare qualsiasi tipo di contatto con l'ex marito.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©