Dal mondo / America

Commenta Stampa

La pupilla di Lula raggiunge il 55% dei voti

Brasile: vince Dilma Roussef, la prima donna presidente


Brasile: vince Dilma Roussef, la prima donna presidente
01/11/2010, 09:11

BRASILIA (BRASILE) - Risultati a tempo di record, per le votazioni delle presidenziali in Brasile, grazie all'uso del voto elettronico, che consente di avere i dati finali in poche ore. E i risultati confermano i sondaggi pre-elettorali: Dilma Roussef, esponente del Partito dei lavoratori e pupilla del Presidente uscente Igncio Lula da Silva, ha vinto, col 55% dei voti, quando sono state scrutinate l'89% delle schede, contro il rivale social-democratico Josè Serra. Il quale ha ottenuto comunque un buon risultato (tutti i sondaggi davano un distacco superiore ai 10 punti che si sono realizzati) ma insufficiente per battere Roussef.
E' interessante notare che quasi ovunque nel mondo si aprono possibilità per presidenti donna: in Sudamerica già abbiamo Michelle Bachelet in Cile e Cristina Fernandez de Kirchner in Argentina. Persino Paesi musulmani hanno espresso posti di comando al femminile (Benazir Bhutto in Pakistan) per quanto finiti tragicamente. Invece in Europa, dove ci crediamo tanto emancipati, o negli Usa è rarissimo un capo del governo donna. Angela Merkel in Germania è una eccezione, non c'è niente del genere nella maggior parte degli altri Paesi europei; e men che meno negli Usa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©