Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Lunedì nuova mozione per le elezioni anticipate

Brexit: il fratello di Boris Johnson abbandona il governo


Brexit: il fratello di Boris Johnson abbandona il governo
05/09/2019, 15:12

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Dopo le votazioni di ieri, la posizione dle premier Boris Johnson è quanto meno precaria. Il Parlamento ha approvato in prima e seconda lettura una legge che impegna il governo a chiedere alla Ue un rinvio della Brexit al 31 gennaio 2020 (ora manca l'ultimo passaggio alla Camera dei Lords); dopo di che ha respinto una mozione, presentata dal governo, per chiedere le elezioni anticipate il 15 ottobre. Johnson ha annunciato che ripresenterà la mozione lunedì prossimo; ma adesso la chiusura del Parlamento chiesta alla Regina adesso potrebbe rivolgerglisi contro. Sarebbe un grave smacco, per il premier, il rinvio al 31 gennaio. 

Intanto Johnson deve vedersela con una grana politica in famiglia. Il fratello Jo, sottosegretario allo Sviluppo Economico, si è dimesso dal suo incarico di governo, in quanto contrario agli atteggiamenti estremisti del fratello sulla Brexit. Nel tweet dice: "È stato un onore rappresentare la circoscrizione di Orpington per 9 anni e servire come ministro sotto tre premier. Ma nelle ultime settimane sono stato diviso tra la lealtà alla famiglia e l'interesse nazionale: è una tensione irrisolvibile e il tempo per gli altri di assumere i miei ruoli di deputato e vice ministro". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©