Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ma sono sempre le stesse dell'accordo base

Brexit: la May ottiene dalla Ue garanzie "legalmente vincolanti"


Brexit: la May ottiene dalla Ue garanzie 'legalmente vincolanti'
12/03/2019, 09:21

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Ha sorpreso tutti il viaggio lampo che ieri sera la premier inglese Theresa May ha fatto alla volta di Strasburgo. E il motivo è stato reso noto verso mezzanotte, quando la May insieme al presidente della Commissione Ue Jean CLaude Juncker hanno reso noto di aver concordato una modifica all'accordo di base per la Brexit. Attualmente il problema più grosso della Brexit è lo status dell'Irlanda: l'Irlanda del Nord fa parte del Regno Unito e la Repubblica d'Irlanda fa parte dell'Unione Europea. Quindi si dovrebbero creare barriere doganali. Però qualsiasi tipo di barriera è in contrasto con gli Accordi del Buon Venerdì, che fecero terminare la guerra tra cattolici e protestanti nel nord dell'isola. L'accordo attuale prevede l'assenza di confini di qualsiasi tipo fino a che non si troverà un accordo diverso tra Gran Bretagna e Regno Unito. Ma da una parte ci sono i sostenitori della Brexit che dicono no perchè questo è un modo per restare di fatto legati alla Ue; e dall'altra ci sono coloro che temono che alla lunga per l'Irlanda del Nord possa essere così vantaggiosa la situazione da decidere di fare un referendum per lasciare il Regno Unito dopo oltre 7 secoli. 

La soluzione concordata prevede l'assicurazione "legalmente vincolante" che la situazione dell'Irlanda dovrà risolversi entro il dicembre 2020, altrimenti ci si affiderà ad un arbitrato internazionale. E la garanzia che la situazione attuale non potrà essere replicata. Ma questo non basta all'opposizione, con il suo leader, Jeremy Corbyn che ha già annunciato il suo no all'accordo. Ma solo stasera si saprà cosa ne pensa l'intero Parlamento, al termine della votazione - l'ultima prima del 29 marzo - sull'accordo modificato. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©