Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ma la situazione resta bloccata da ambo i lati

Brexit: la premier May rinvia il voto del Parlamento sull'accordo


Brexit: la premier May rinvia il voto del Parlamento sull'accordo
11/12/2018, 09:34

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - La premier Theresa May ha rinviato il voto sull'accordo fatto con la Ue sulla Brexit, ma il futuro si presenta pieno di incognite. Perchè da una parte lei ha detto che tornerà a Bruxelles per negoziare con quello che adesso è diventato il punto centrale dell'accordo, cioè il cosiddetto "backstop" per risolvere la questione dell'Irlanda; ma dall'altra non ha nessun margine ulteriore di manovra. Il backstop consiste nel lasciare che l'Irlanda del Nord resti senza alcun confine con il resto dell'isola (che comunque è un Paese della Ue) mentre per la Gran Bretagna si adotterà un regime di libero transito delle merci non dissimile da quello attuale. Tutto bene? No, perchè gli esponenti conservatori (quindi dello stesso partito della May) contestano questo accordo che rischia di incentivare l'Irlanda del Nord a separarsi dalla Gran Bretagna e contemporaneamente rischia di creare una situazione di dipendenza economica di Londra rispetto alla Ue. 

Ma la May cosa può offrire di diverso? La Ue ha già concesso il massimo, con questo accordo. Per offrire di più dovrebbe solo accettare la pretesa della Gran Bretagna di avere tutti i vantaggi dello stare nella Ue senza nessuno degli obblighi relativi. E questo significherebbe la distruzione della Ue stessa, perchè tutti vorranno le stesse condizioni della Gran Bretagna. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©