Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il blog The Spectator: "Nome pronunciato troppo spesso"

"British Petroleum", la gaffe di Obama gela gli inglesi


'British Petroleum', la gaffe di Obama gela gli inglesi
13/06/2010, 18:06

Non chiamatela "British Petroleum". Sì perché c'è una grande differenza tra il nome per intero del gigante del greggio e la sigla "Bp", tanto da far scoppiare una polemica transatlantica tra due paesi da sempre alleati. L'aggettivo "britannico" attaccato da molti politici negli Stati Uniti al nome della multinazionale del petrolio, responsabile del disastro della marea nera, ha gettato benzina sul fuoco di una polemica tra il presidente Obama, reo come molti politici Usa di aver usato una sola volta la dizione "British Petroleum", e i cugini inglesi, che parlano di "sentimenti anti-britannici" capaci di incrinare la "relazione speciale" che lega Stati Uniti e Gran Bretagna almeno da quando la frase fu coniata nel 1946 da Winston Churchill. British Petroleum è il vecchio nome di Bp, cambiato un decennio fa quando la società creata all'inizio del Novecento per esplorare i campi di petrolio persiani si è ribattezzata in uno sforzo di andare "Beyond Petroleum" (oltre il petrolio): un fatto che sembra esser sfuggito a molti politici americani. "Bp non significa - e non significa da molti anni - British Petroleum. Non troverete quel nome in nessuno dei suoi rapporti annuali", ha scritto sul suo blog il direttore di The Spectator Fraser Nelson: "Ma è un nome che si sente troppo spesso pronunciato dal presidente americano, come per dirigere le accuse dall'altra parte dell'Atlantico. Ci si chiede quanto valuti la relazione Stati Uniti-Gran Bretagna". Bp, così come lo stato delle relazioni Usa-Gb, sono stati al centro della telefonata trasatlantica di ieri tra Obama e il premier britannico David Cameron. "Non si è parlato del nome di Bp", ha detto un alto funzionario dell'amministrazione Obama secondo cui "il presidente americano ha detto al primo ministro che la nostra frustrazione non ha nulla a che fare con l'identità nazionale, ma con il fatto che una grande e ricca società deve rispettare gli obblighi che le derivano dalle sue responsabilita".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©