Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Caldoro: "Ottima notizia. Ora la fase operativa"

Bruxelles sblocca i fondi per Pompei, 105 mln per la rinascita del sito

Hahn: "Pompei fa parte del patrimonio storico europeo"

Bruxelles sblocca i fondi per Pompei, 105 mln per la rinascita del sito
29/03/2012, 16:03

La rinascita di Pompei arriva da Bruxelles. La Commissione Ue ha infatti approvato i fondi per sostenere il restauro della città antica. Il progetto “Preservazione, mantenimento e miglioramento” del sito archeologico potrà contare su un investimento di 105 milioni di euro “combinando contributi Ue e nazionali”, riferisce la Commissione. L'obiettivo è “conservare il sito in quanto attrazione turistica sostenibile per la regione”, spiega Bruxelles in un comunicato. Il contributo dell’Unione Europea fa seguito ad una richiesta dell'Italia, e ad un piano di azione concordato con l'esecutivo europeo, nel quale si è accertata l'entità dei lavori necessari per la riabilitazione di Pompei, dopo i danni provocati dalle piogge torrenziali di fine ottobre 2011 che si sono aggiunti a quelli causati dalle violente tempeste del 2010. “Abbiamo dato la nostra approvazione a questa importante opera di restauro non solo nell'interesse dell'Italia, ma dell'intero patrimonio storico europeo”, ha dichiarato il commissario Ue alle politiche regionali, Johannes Hahn. Nel 2000-2006 la politica regionale europea aveva già sostenuto 22 progetti di restauro nel sito di Pompei per un valore di 7,7 milioni di euro, sulla base di un cofinanziamento del 50% del costo totale. Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, ha commentato la notizia sul suo profilo di Twitter scrivendo: “Ottima notizia dall'Unione europea su Pompei che ha approvato il nostro piano. Ora la fase operativa”.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©