Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Buona tavola e tradizione italiana nel cuore di Berlino Est


Buona tavola e tradizione italiana nel cuore di Berlino Est
07/01/2012, 11:01

Un angolo d’Italia con sapori ed atmosfere capresi è sorto nel cuore pulsante di Berlino. Nel quartiere di Mitte, nella ex Berlino est, il quartiere  esploso da qualche anno e frequentato da giovani e giovanissimi con centinaia di luoghi trend, si è aperto da qualche mese un locale  dove trionfa la 'cucina  mediterranea' e regna il calore gestito da quattro giovani italiani. Il nome dato al nuovo spazio è “Due Scalini Bistro”, un vero e proprio crocevia di sapori del sud, recuperati dalla cucina caprese, salentina, siciliana e napoletana, che i quattro neo-imprenditori made in Italy hanno voluto trasferire nella città tedesca e nel loro locale dove si alternano tra la sala e la cucina con eccezionale bravura e intraprendenza. Dei quattro neo-ristoratori, tutti under 30, fanno parte ben due giovani di Capri, Gemiliano e Mariano, Silvia la salentina e il siciliano Piero. I quattro, creativi dei fornelli e straordinari “p.r.” in sala, sono riusciti a far diventare i “Due Scalini Bistro” in questi giorni di festa un vero piccolo tempio del gourmet mediterraneo portando nel cuore di Berlino il menù della tradizione di fine anno tipica del cenone che si prepara in ogni famiglia del Mezzogiorno d’Italia. Una scelta molto gradita da numerosi berlinesi che hanno voluto festeggiare il nuovo anno nel locale dei quattro ragazzi italiani gustando e apprezzando le specialità preparate dai giovani chef che, con la loro cucina a base di prodotti rigorosamente italiani, sono riusciti a “sfondare” nel cuore della vecchia Berlino est. I trenta posti a sedere di “Due Scalini Bistro”, sia all’interno che sulla caratteristica Tor Strasse, sono stati affollati nei giorni di Natale e Capodanno. Piatti forti del ristorante sono stati i tipici ravioli capresi, i maccheroni alla siciliana, le lasagne e i sartù napoletani, coniglio alla cacciatora, pesce al forno con patate e non potevano mancare ovviamente salumi e affettati calabresi e pugliesi e i gli inimitabili formaggi campani. Vasto anche il carrello dei dolci, dalla pastiera agli struffoli alla cassata siciliana e il clou è stata la caprese, il tipico dolce di mandorle e cioccolata simbolo dell’isola azzurra importato a Capri da stranieri ed esuli agli inizi del secolo scorso. Il successo di Gemiliano, Mariano, Silvia e Piero e del loro locale continua a crescere anche dopo le vacanze di Natale e Capodanno diventando un punto di incontro a Mitte di varie culture e per chi va alla ricerca non solo della buona cucina ma anche di un calore familiare tipico dell’italianità all’estero.
 
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©