Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Vietato il sorvolo aereo di Portogallo e Francia

Caccia alla talpa del Datagate, bloccato a Vienna il presidente Morales


Caccia alla talpa del Datagate, bloccato a Vienna il presidente Morales
03/07/2013, 09:05

VIENNA (AUSTRIA) - Una cosa che non si era mai vista: il Presidente di uno Stato sovrano (che come tale gode di tutte le immunità diplomatiche del caso) in volo sul proprio aereo a cui viene vietato di atterrare per fare rifornimento. E' quello che è successo al presidente boliviano Evo Morales, in viaggio da Mosca - dove aveva partecipato ad una riunione dei Paesi esportatori di gas - per la capitale boliviana La Paz. Un aereo non è in grado di attraversare l'Atlantico senza rifornirsi di carburante, e il piano di volo prevedeva una sosta tecnica a Lisbona, in Portogallo. Ma poco prima che l'aereo arrivasse nello spazio aereo portoghese, è stato comunicato loro che potevano sorvolare il Portogallo ma non atterrarvi. Poco dopo sono arrivate comunicazioni dalle autorità italiane e francesi che vietavano il sorvolo del territorio di questi due Paesi. Per cui all'aereo non è rimasta altra scelta che dirigersi verso l'aeroporto di Vienna, ed atterrare lì, per fare rifornimento, in attesa di avere i permessi per il sorvolo. 
E tutta questa mobilitazione per cosa? Solo perchè si era diffusa la voce che Edward Snowden, la talpa del Datagate, era su quell'aereo. Voce peraltro poi dimostratasi falsa. Tuttavia, poichè le autorità boliviane si erano dichiarate disponibili ad accogliere Snowden, questo è bastato per trattare Morales come un nemico. Il ministro degli Esteri boliviano, David Choquehuanca, ha convocato una conferenza stampa per denunciare l'accaduto, specificando: "Nell'ambito del diritto internazionale le richieste d'asilo possono essere presentate e i governi hanno poi a loro volta tutto il diritto di concedere, oppure no, l'asilo". 
La Bolivia ha potuto contare sull'appoggio del Venezuela: infatti insieme hanno chiesto all'Unasur (il gruppo di Paesi sudamericani creato grazie alle iniziative diplomatiche di Chavez) di intervenire contro le nazioni europee che hanno violato le norme internazionali, impedendo il passaggio dell'aereo presidenziale di Morales. 
Il quale nel frattempo è ancora a Vienna in attesa di ricevere tutti i via libera del caso. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©