Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Cambogia: bambina di 4 anni in un bordello


Cambogia: bambina di 4 anni in un bordello
03/08/2009, 15:08

Probabilmente anche il cliente del bordello ha faticato a credere ai propri occhi, quando ha visto una bambina di 4 anni messa a disposizione dei clienti. In ogni caso, ha avuto il buon cuore di fare una segnalazione alla Somaly Mam Foundation, che ha come compito il salvataggio e il reinserimento delle baby-prostitute nel tessuto sociale. Anche se finora non gli era mai capitato di vedere una bambina così piccola costretta a prostituirsi. Cosa più grave, a venderla era stata la madre, anche lei prostituta in quel bordello. Comunque la stessa Somaly Mam, in una conferenza stampa, ha assicurato che gli assistenti sociali si stanno prendendo cura della bambina.
Purtroppo questa non è una pratica inusuale, soprattutto in quelle parti del mondo. In Laos, Cambogia, Vietnam le famiglie povere vendono le loro bambine ai bordelli, anche a 7-8 anni; in Afghanistan o Pakistan le vendono ai nuovi "mariti"; in India le vendono ai templi, ma sempre perchè si prostituiscano con i fedeli. E la stima fatta dalle Nazioni Unite (2 milioni di donne e bambini avviati forzatamente alla prostituzione ogni anno; 700 mila nella sola Asia) sembra sempre più inadeguata a descrivere la realtà.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©