Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Cambogia, confermato governo ma opposizione denuncia


Cambogia, confermato governo ma opposizione denuncia
29/07/2013, 18:04

L’opposizione cambogiana, rappresentata dal Partito di salvezza nazionale, ha fatto sapere questa mattina di rifiutare i risultati elettorali delle Politiche svoltesi ieri, che hanno visto la riconferma al potere del premier, Hun Sen, ex khmer rosso al governo ininterrottamente dal 1985 dopo la liberazione dal regime da parte dei vietnamiti. La denuncia dell’opposizione, che in un primo momento credeva di aver vinto, è di brogli elettorali da parte della maggioranza – che ha ottenuto 63 dei 123 seggi in parlamento, in netto calo, comunque, rispetto alla legislatura precedente in cui ne aveva conquistati 90 – confermati dall’organizzazione anticorruzione "Transparency International", che ha rilevato un numero insolitamente alto di irregolarità, dagli elettori che non hanno trovato i propri nomi all’interno delle liste fino all’inchiostro usato, dimostratosi tutt’altro che indelebile. Il rischio è che ora si verifichino scontri: già i primi tafferugli sono stati registrati ieri all’uscita dei seggi. Nonostante una crescita economica che si attesta al 7%, infatti, in Cambogia è aumentata la disuguaglianza sociale e ciò ha fatto crescere il malcontento verso il governo nella popolazione, soprattutto nei giovani: il Paese ha un’età media di 23 anni e la maggior parte di questi milita nell’opposizione, che ora ha chiesto una commissione d’inchiesta per indagare sulle presunte irregolarità elettorali.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©