Dal mondo / America

Commenta Stampa

Approvata una legge per evitare di essere condannati

Canada: la legge sull'impunità dei politici è "alla Berlusconi"


Canada: la legge sull'impunità dei politici è 'alla Berlusconi'
27/09/2011, 10:09

QUEBEC (CANADA) - Arriva in Canada il peggio della politica italiana: la legge ad personam. E, a maggior discredito per l'Italia, viene chiamata "legge alla Berlusconi".
E' successo a Quebec City, capitale della regione del Quebec. Il sindaco Regis Labeaume ha contravvenuto alle leggi locali, assegnando, senza bando di concorso, la gestione di un anfiteatro in costruzione ad una società per 25 anni, per un controvalore di 400 milioni di dollari canadesi, di cui il 10% di sovvenzioni pubbliche. Secondo le leggi locali, per un affidamento di tale entità, aveva l'obbligo di indire un bando pubblico. Labeaume si difende dicendo che nessuna società avrebbe mai accettato di portare a Quebec City una società di hockey, cosa che invece la società da lui scelta si è impegnata a fare entro 10 anni.
Tuttavia, probabilmente non convinto della solidità di tale linea difensiva, il sindaco si è premunito anche sul piano legale: ha fatto approvare una legge, la 204, nella quale viene specificato che è annullata qualsiasi persecuzione giudiziaria per la vicenda di questo anfiteatro.
Cosa che dimostra una cosa: la legge sarà anche "alla Berlusconi", ma l'allievo canadese ha dimostrato di essere più bravo del maestro italiano. Infatti il primo è riuscito a farsi approvare la legge, anche perchè riferita ad un solo episodio e con una condanna massima a 2 anni; l'altro ha fatto tante leggi settoriali, che hanno aiutato, oltre a lui, rapinatori, stupratori, pedofili ed ogni altro genere di criminale. Ma Berlusconi ama troppo violare la legge, per fermarsi. E non essendosi fatta una legge che lo rende immune da qualsiasi azione giudiziaria, è sempre indagato o processato.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©