Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dopo la concessione di asilo politico all'hacker australiano

Caso Assange, l'Ecuador chiede Consiglio di Sicurezza Onu

La Gran Bretagna aveva annunciato attacco all'ambasciata

Caso Assange, l'Ecuador chiede Consiglio di Sicurezza Onu
17/08/2012, 09:09

QUITO (ECUADOR) - Il Parlamento dell'Ecuador ha chiesto al governo del Paese di sollecitare una riunione del Consiglio di sicurezza dell'Onu per evitare che la Gran Bretagna usi la forza e entri nell'ambasciata di Quito a Londra, dove si è rifugiato Julian Assange, che ieri ha ottenuto asilo politico. In una seduta prolungatasi fino a notte fonda, l'Assemblea nazionale ha respinto la "minaccia" della Gran Bretagna e ha esortato gli ecuadoriani a unirsi a difesa della sovranità nazionale.

ASILO POLITICO - Ieri la decisione dell'Ecuador di concedere asilo politico a Julian Assange. "E' in pericolo. Rischia la pena di morte negli Usa". Sono state queste le parole pronunciate dal ministro degli Esteri, Ricardo Patino, subito dopo la decisione presa. Vibrante la reazione della Gran Bretagna che aveva minacciato di attaccare l'ambasciata dell'Ecuador nella capitale britannica e prendersi così il fondatore di Wikileaks. 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©