Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Si attende il rientro in Italia

Caso Belluomo, Terzi: “L’ingegnere è al sicuro”


Caso Belluomo, Terzi: “L’ingegnere è al sicuro”
04/02/2013, 16:43

ROMA - Sembra tornata la serenità per Mario Belluomo.
Il Ministro degli esteri, Giulio Terzi, ha rilasciato parole confortanti sullo stato di salute dell’ingegnere: “E’ al sicuro e aspettiamo di rivederlo presto in Italia”.
Sembra essersi conclusa nel migliore dei modi la triste vicenda del tecnico rapito dicembre scorso.
''E' con sollievo che attendiamo il rientro a casa dell'ingegner Belluomo, considerando il rischio che ha corso per la sua incolumità in un Paese sconvolto da inaudite violenze di cui sono vittima sopratutto i civili innocenti'', ha commentato con gioia il Ministro.

Aggiornamento a cura di Rosa Alvino




DAMASCO - E' stato liberato Mario Belluomo, l'ingegnere italiano che era stato sequestrato in Siria lo scorso dicembre, a comunicarlo è il ministero degli esteri russo. Stando alle notizie rilasciate dall'agenzia Itar-Tass, con lui sono stati rilasciati anche i due cittadini russi, i tre erano stati rapiti il 12 dicembre 2012 sulla strada da Homs a Tartus. “I due russi sono stati scambiati ieri con alcuni guerriglieri", recita una nota ufficiale.
Intanto dalla Farnesina si sta seguendo passo per passo lo sviluppo degli eventi, confermando la necessità di mantenere la massima riservatezza fino alla risoluzione definitiva del caso.
Oltre alla famiglia,la Farnesina tiene aggiornata la famiglia dell’ingegnere e Giulio Terzi, Ministro degli Esteri.
“Aspettiamo l'ufficialità dalla Farnesina, che ha lavorato bene. E in quel caso sarà la vittoria di un'istituzione che in Italia funziona benissimo”, è il commento che viene dalla famiglia dell’ingegnere 63enne originario di Catania.

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©