Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La Suprema Corte di New Delhi non entra nel merito

Caso Marò, conduzione delle indagini resta a 007 indiani

Valida la decisione del governo

Caso Marò, conduzione delle indagini resta a 007 indiani
26/04/2013, 09:14

NEW DELHI -  Da quanto si apprende dall’agenzia di stampa Ansa, la suprema Corte di New Delhi,  ha deciso , oggi,  di lasciare la decisione al governo indiano come condurre le indagini sul caso dei Marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone (nella foto) .  Come già noto il  governo aveva già incaricato la polizia antiterrorismo Nia di investigare sul caso, la competenza rimane a questo organismo. I giudici hanno detto che dovrà agire nel più breve tempo possibile. Il presidente del massimo organismo giudiziario indiano Altamas Kabir, a capo di una sezione di tre giudici, ha letto una breve ordinanza scritta in cui si dice che "non è responsabilità della Corte Suprema decidere quale tipo di agenzia di polizia utilizzare per le indagini". I giudici hanno quindi lasciato al governo la facoltà di usare l'organismo "più appropriato" e anche la scelta delle leggi da applicare.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©