Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Mauro: “Il governo estremamente vigile”

Caso Marò, De Mistura: “Cautela sui tempi ma puntiamo a processo rapido”


Caso Marò, De Mistura: “Cautela sui tempi ma puntiamo a processo rapido”
13/11/2013, 19:20

I marò torneranno a casa ma c’è cautela sui tempi di conclusione della vicenda. Lo ribadisce ancora una volta l'inviato speciale del governo Staffan De Mistura, durante l’audizione davanti alle Commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato sul caso dei due marò di Marina Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. "Non ho notizie drammatiche", ha detto De Mistura che non si sbilancia sui tempi del processo ma assicura che il governo italiani punta ad un processo "rapido ed equo" e che "c'è una forte e costante determinazione a portarli a casa".
Anche "da parte indiana", ha aggiunto De Mistura “c'è una attitudine per chiudere questa faccenda nella maniera più rapida possibile". Si tratta, ha dichiarato l’inviato speciale, di una vicenda che "anche da loro sta diventando difficile da spiegare".
C'è infatti una "incongruenza" tra le pallottole rinvenute nei corpi dei due pescatori indiani rimasti uccisi nell'incidente della 'Enrica Lexie' e i fucili in dotazione a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Per questo, ha aggiunto ancora De Mistura, da parte degli investigatori indiani per "chiudere l'indagine c'è stato bisogno di audire anche gli altri quattro fucilieri di marina che erano a bordo della nave”, ascoltati lunedì in videoconferenza da Roma. "Da parte nostra -ha proseguito - è un problema che devono risolvere loro nella loro inchiesta che più è complicato e più aiuta la difesa".
''Il governo è estremamente vigile, in particolare attraverso le articolazioni del ministero degli Esteri, che è naturalmente il negoziatore deputato per mediare questa vicenda che spero si concluda al più presto''. Lo ha dichiarato il ministro della Difesa Mario Mauro al termine di una cerimonia alla Scuola Militare Aeronautica 'Giulio Douhet' di Firenze.
''Il principale sviluppo della vicenda dei due marò, ha ricordato il ministro è legato a ciò che è accaduto nella giornata di lunedì e cioè l'escussione attraverso norme stabilite dal codice di procedura penale indiano, che quindi ha trovato ragionevole ascoltare gli altri 4 fucilieri di Marina in Italia e non in India''. ''Sulla scorta di questo penso che nel giro di qualche giorno -ha aggiunto Mauro- ci sarà la conclusione di quella fase di indagini".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©