Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

“Siamo militari, andiamo avanti”

Caso marò: i militari sono in India

Latorre e Girone risiederanno in ambasciata

Caso marò: i militari sono in India
22/03/2013, 18:02

NEW DELHI- Mentre Palazzo Chigi dichiara che:
“Non ci sono stati nessuna accusa e nessun processo al ministro degli Esteri per la vicenda dei due Marò tornati in India”, i militari sono arrivati oggi a New Delhi attorno alle 18 locali.
Con loro anche il sottosegretario agli Esteri, Staffan de Mistura.
Stando a ciò che è stato riferito da Radio 24 Massimiliano Latorre e Salvatore Girone hanno dichiarato: “Siamo militari, noi andiamo avanti e andremo avanti”. A quanto pare gli italiani risiederanno nell'ambasciata a New Delhi. Paola Severino in merito alla situazione ha detto: “Come ministro della Giustizia ho un solo compito, quello di ottenere che ai nostri Marò sia riconosciuto un livello di garanzia tale da assicurare loro un giusto processo. Le due condizioni sempre rimaste fisse in questa vicenda sono che i nostri Marò potessero essere processati da un tribunale che si schierasse ai principi della normativa internazionale e che si avesse la garanzia che neppure da un punto di vista ipotetico potessero essere assoggettati alla pena di morte. Il problema della giurisdizione, deve essere risolto secondo la normativa internazionale. Questo è il quadro entro cui dal punto di vista del ministro della Giustizia e del diritto si è sempre svolta la vicenda, ma il modo con il quale ottenere questi risultati non è certo nelle funzioni del ministro della Giustizia”.
Per la Severino comunque la situazione non è negativa:
“Le ultime notizie sono di apertura e di dialogo diplomatico forte che offre la prospettiva di una soluzione garantita della vicenda”.

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©