Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

“E' un momento di grande gioia” ha dichiarato a donna

Caso Marò: la moglie di Girone felice del permesso


Caso Marò: la moglie di Girone felice del permesso
20/12/2012, 15:44

BARI – Sono più rasserenati ed ottimisti i parenti dei Marò italiani che presto faranno ritorno in  Italia. ''E' un momento di grande gioia, abbiamo il cuore in festa'', ha dichiarato la moglie di Salvatore Girone,  felice della decisione presa dell'Alta corte di Kerala. La donna, che aveva  saputo della lieta sentenza telefonicamente, ha ringraziato le autorità italiane ed indiane che concederanno due settimane  di permesso a Girone e Latorre: ''Grazie alle istituzioni italiane e indiane potremo riabbracciarli a Natale. E' il più grande regalo di Natale'', ha concluso la donna

Aggiornamento a cura di Rosa Alvino


KOCHI – Secondo gi ultimi aggiornamenti provenienti dall'Alta corte del Kerala, è stato ufficializzato il permesso ai Marò, detenuti in India da febbraio, di poter trascorrere a casa le vacanze di Natale. Nonostante l’apprensione, finalmente Massimiliano Latorre e Salvatore Girone hanno ottenuto una licenza della durata di due settimane, licenza che entrerà in funzione dal momento in cui i due militari lasceranno l'India. Per il provvedimento voluto dal giudice dell'Alta corte del Kerala tale permesso dovrà essere accordato con una garanzia finanziaria di 60 milioni di rupie, pari a oltre 826mila euro.


Aggiornamento a cura di Rosa Alvino

KOCHI – Si fa più complicata la situazione per i due militari italiani ancora detenuti in India. Ci vorrà qualche ora per sapere se Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due marò italiani accusati di omicidio, potranno ritornare in Italia per le festività del Santo Natale. La decisione spetta all'Alta Corte del Kerala. Ancora poco chiara e complessa è la faccenda, a rendere più difficile il tutto risulta essere il tempo ristretto per adempiere le differenti procedure relative alle pratiche burocratiche. Secondo le ultime informazioni, i giudici hanno stabilito un breve rinvio dell'udienza definitiva, che dovrebbe cominciare alle 9:15, ora italiana. Tuttavia, il posticipo in agenda dell’udienza ha provocato disagio da parte della delegazione italiana, arrecando non poca apprensione. Tutto dipende da quando verrà apposta la firma del giudice per l’ordine di autorizzazione, qualora la suddetta approvazione venisse sottoscritta nel pomeriggio i tempi burocratici sarebbero tali da non permettere un rientro in Italia per le festività. La concomitanza del fine settimana, la chiusura degli uffici e, considerando che i passaporti sono ancora in possesso dell’autorità giudiziaria di Kollam, non fanno ben sperare in un ravvicinato rientro. Intanto, il ministro Terzi ha munito le autorità indiane delle garanzie richieste all'Italia. Si attendono buone nuove per i due Marò.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©