Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Si ipotizzano provvedimenti da parte della Corte suprema

Caso marò: l'ambasciatore italiano rischia il carcere

Lo ha rivelato l'ex legale di Latorre e Girone alla Cnn-Ibn

Caso marò: l'ambasciatore italiano rischia il carcere
17/03/2013, 17:22

NEW DELHI (INDIA) – La Cortesuprema indiana potrebbe ordinare l’arresto dell’ambasciatore italiano Daniele Mancini, in quanto responsabile del mancato rientro dei Marò in India. Pochi giorni fa l’uomo aveva ricevuto una nota ufficiale della Corte suprema, in cui gli veniva suggerito  di “non lasciare il Paese”. I giudici avevano chiesto spiegazioni sulle posizioni della Farnesina in merita alla vicenda dei due marò accusati di omicidio in India. La Corte suprema potrebbe prendere provvedimenti contro l’ambasciatore italiano, secondo l’avvocato Harish Salve, che fino all’11 marzo ha difeso gli interessi italiani per poi rinunciare in disaccordo con la decisione presa dal Ministero degli Esteri. Harish Salve, intervistato dalla Cnn-Ibn, ha sostenuto che Mancini è responsabile di “oltraggio alla Corte”.
Il diplomatico avrebbe dovuto fornire una spiegazione dettagliata del mancato rientro in India dei due marò entro lunedì 18 marzo, ma non è ancora arrivata nessuna nota. Inoltre, l’avvocato spiega che l’ambasciatore non potrebbe fare valere l’immunità diplomatica perché “la nostra Costituzione stabilisce che tutti agiscano in aiuto e secondo gli orientamenti della Corte suprema”. Per domattinala Cortesuprema ha già stabilito un’udienza, in cui dovrà comparire l’ambasciatore Daniele Mancini. Secondo Harish Salve, il diplomatico potrebbe addirittura “andare in prigione”, tutto “dipende da come vorranno regolarsi con lui” i giudici.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©