Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Accolto il ricorso dell’armatore della Enrica Lexie

Caso marò: per i periti indiani spararono con fucili Beretta

La perizia indiana punta il dito contro i due fucilieri

Caso marò: per i periti indiani spararono con fucili Beretta
10/04/2012, 11:04

NUOVA DELHI - Ad uccidere i due pescatori indiani il 15 febbraio scorso, a bordo del St. Antony, sarebbero stati due fucili Beretta Arx 160. È quanto emerge dal rapporto del “Forensic Sciences Laboratory”, il laboratorio che ha effettuato l’esame balistico sulle armi in dotazione a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, attualmente ancora detenuti in India con l’accusa di omicidio.
Secondo i periti, infatti, due dei sei fucili esaminati sarebbero compatibili con le armi utilizzate per sparare ai pescatori: a supporto di ciò vi sarebbe il fatto che le scanalature dei fucili ritrovati sulla nave “Enrica Lexie”, e quindi a disposizione dei due marò, coinciderebbero con le scanalature dei proiettili estratti dai corpi dei due pescatori. Il rapporto, con il quale le autorità indiane puntano nuovamente il dito contro i nostri connazionali, è stato depositato in mattinata presso la Magistratura di Kollam e una copia sarebbe già al vaglio del “Team special investigation”, guidato dal commissario di Kochi, Ajith Kumar, che coordina le indagini sul caso.
Intanto, mentre si complica la situazione per i due fucilieri di Marina italiani detenuti nel Kerala, la Corte Suprema indiana ha ammesso oggi il ricorso dell’armatore della “Enrica Lexie” contro un precedente verdetto di un tribunale del Kerala che bloccava la partenza della nave. Dopo aver sentito gli avvocati della compagnia di navigazione italiana, infatti, i giudici hanno aggiornato l’udienza al 20 aprile. Secondo l’avvocato dell'armatore, K.K. Venugopal, la nave non è sottoposta ad alcun sequestro e non è coinvolta in alcun modo con l’uccisione dei due pescatori. Una tesi che il giudice ha accolto positivamente: “Se qualcuno spara da una casa - ha commentato al riguardo - forse la casa viene sequestrata?”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©

Correlati