Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Lasceranno il carcere di Trivandrum per un’altra struttura

Caso marò: trasferimento in vista per i due fucilieri

Farnesina: “Importante passo avanti. Sviluppo positivo”

Caso marò: trasferimento in vista per i due fucilieri
17/05/2012, 17:05

NEW DELHI - Trasferimento in vista per Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, detenuti in India con l’accusa di aver ucciso due pescatori locali. I due marò italiani saranno trasferiti dal carcere di Trivandrum, nel quale sono rinchiusi dallo scorso 5 marzo, a un’altra struttura della città: si tratta di un ex riformatorio, denominato “Borstal School”. Il trasferimento, viene fatto sapere, sarà operativo tra 20 giorni (il tempo necessario, a quanto pare, per attrezzare il nuovo luogo), e fino ad allora i due connazionali resteranno nella sezione speciale del carcere indiano di Trivandrum a loro riservata.
Sono state le autorità del Kerala a disporre il trasferimento dei fucilieri: il via libera è arrivato quando stava per scadere la settimana indicata dalla Corte suprema indiana per una decisione al riguardo e dopo una serie di incontri con la delegazione italiana sul posto, che è ora coordinata dal sottosegretario agli Esteri, Staffan de Mistura, giunto di nuovo in Kerala. Erano stati, infatti, gli avvocati di Latorre e Girone il 9 Maggio, in un’udienza avvenuta a New Delhi, a presentare la richiesta di trasferimento, sulla quale la Corte suprema aveva fissato la giornata di ieri, come scadenza per esprimere il suo parere.
“È un passo avanti importante e uno sviluppo positivo”, ha commentato l’ambasciatore italiano a New Delhi, Giacomo Sanfelice. Anche da fonti della Farnesina si sottolinea come la buona notizia sia “il risultato dell’azione condotta con perseveranza e determinazione dal team di nostri esperti e diplomatici che, sotto il coordinamento dell’ambasciata a New Delhi, sta affiancando i legali della difesa”. Soprattutto il trasferimento “è il riconoscimento dello status di organi dello Stato italiano, che abbiamo ribadito in tutte le istanze, in cui è stato sempre sostenuto il principio della esclusiva giurisdizione italiana”. E mentre i due fucilieri pugliesi si preparano al trasloco, nel carcere di Trivandrum è giunto oggi un pacco regalo che ha il sapore di casa: il pane di Altamura, prodotto tipico della Murgia.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©