Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Ex campione non ha soldi per pagare spese processuali

Caso Pistorius, in vendita la casa del delitto


Caso Pistorius, in vendita la casa del delitto
20/03/2014, 18:58

Oscar Pistorius mette in vendita la lussuosa villa di Pretoria dove la notte di San Valentino dello scorso anno uccise la fidanzata Reeva Steenkamp. La vendita della casa è necessaria per pagare le spese processuali come fa sapere lo studio Ramsay Webber che curerà la trattativa: "E' necessario vendere l'abitazione nel complesso residenziale di Silver Woods Country a Pretoria al fine di recuperare fondi indispensabili a coprire le spese processuali che continuano ad aumentare".

L’ex campione olimpico e paralimpico sudafricano spenda circa 6700 euro al giorno per difendersi, dovendo pagare non solo i tre avvocati che lo rappresentano in giudizio, ma anche esperti balistici ed anatomopatologhi. Il 27 anni, amputato a entrambi gli atri inferiori e che usava protesi in fibra di carbonio per sfidare i normodotati sulle piste di atletica, ha sempre dichiarato di aver sparato alla fidanzata attraverso la porta chiusa del bagno della sua casa perché convinto – a suo dire – della presenza di malintenzionati all’interno dell’abitazione.

Se fosse riconosciuto colpevole nel processo che dovrebbe terminare il 4 aprile, lo sprinter - che da quando è stato rimesso in libertà su cauzione vive a casa di uno zio - rischia l'ergastolo.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©