Dal mondo / America

Commenta Stampa

E' in pratica una confessione di aver violato la legge

Caso Stormy Daniels: l'avvocato di Trump invoca il Quinto Emendamento


Caso Stormy Daniels: l'avvocato di Trump invoca il Quinto Emendamento
26/04/2018, 17:10

WASHINGTON (USA) - Si complica ulteriormente la posizione di Donald Trump nell'affare legato ai suoi rapporti con la pornostar Stormy Daniels, al secolo Stephanie Cliffords. Infatti, Michael Cohen, l'avvocato di Trump, ha dichiarato di volersi appellare al Quinto Emendamento della Costituzione statunitense, che impedisce alle persone di testimoniare contro se stesse. Un pieno diritto, ma che implicitamente dimostra che Cohen è conscio di aver commesso qualche reato. 

La Daniels ha denunciato Cohen per calunnia. A sua volta Cohen entrò nella vicenda perchè versò 130 mila dollari alla donna a condizione che non parlasse con nessuno di ciò che era successo con Trump. Un versamento che però può configurare il reato di finanziamento illecito a Trump (in pratica ha pagato di tasca sua una somma che avrebbe dovuto pagare il presidente); ed anche per questo c'è il processo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©