Dal mondo / America

Commenta Stampa

Intanto il 18 luglio si deciderà se confermare il processo

Caso Strauss-Kahn: la cameriera sarebbe una prostituta


Caso Strauss-Kahn: la cameriera sarebbe una prostituta
02/07/2011, 15:07

NEW YORK (USA) - Come sempre, appena si toglie un tappo alle maldicenze verso una persona, sulla stampa le rivelazioni, più o meno vere, si rincorrono senza sosta. E così oggi il New York Post riferisce che Ofelia (il nome di copertura con cui viene indicata la cameriera che ha accusato Dominique Strauss-Kahn di stupro) è una prostituta. Cosa a conoscenza di molti all'interno dell'albergo Sofitel, tanto che pare addirittura che la donna sia stata assunta appositamente per fornire prstazioni "extra" ai clienti che ne facessero richiesta. Cosa che naturalmente avrebbe finito con l'ingrassare le tasche di qualcuno, come sempre succede. Il giornale aggiunge che Ofelia probabilomente è agli arresti domiciliari, per ordine della Polizia, in attesa di essere processata per aver mentità ad un giurì; il reato comporta una pena che può arrivare a 5 anni di reclusione.
Intanto l'ex capo del Fondo Monetario Internazionale ieri ha festeggiato la sua libertà con una cena in un ristorante di lusso con cucina italiana. Ormai è libero, anche se ha l'obbligo di restare sul suolo statunitense (per questo gli hanno sequestrato il passaporto) fino al 18 luglio, data in cui ci sarà l'udienza che dovrà decidere se avviare il processo oppure chiudere tutto perchè non ci sono le prove.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©