Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Due morti ed ostaggi

Cecenia: attacco suicida in Parlamento


Cecenia: attacco suicida in Parlamento
19/10/2010, 08:10

L'attacco al Parlamento ceceno, secondo la ricostruzione, è iniziato con un'azione kamikaze, durante la quale un uomo si sarebbe fatto esplodere, preceduto da un tentativo di assalto all'edificio che ospita l'assemblea parlamentare, costato la vita ad almeno due uomini della sicurezza, oltre alla morte dell'attentatore suicida. Il kamikaze si è fatto esplodere su un'automobile all'arrivo di una vettura con a bordo dei deputati. Una sfida al presidente ceceno Ramzan Kadyrov, la più eclatante, volta indirettamente a colpire il potere centrale moscovita, dopo l'attacco lanciato lo scorso agosto da un gruppo di ribelli islamici al villaggio dello stesso Kadyrov.
L'attacco è stato annunciato inzialmente dallo speaker del Parlamento, Dukuvakha Abdurakhmanov,  rimasto all'interno dell'edificio, disarmato, che ha comunicato la sparatoria dei ribelli ceceni entrati nel palazzo del Parlamento a Grozny dove avevano anche preso persone in ostaggio.
Inizialmente, secondo  l'agenzia RIA Novosti, erano due le persone morte in un attacco suicida, poi confermate. Si trattava di due uomini della sicurezza. Il terzo uomo era l'attentatore.
"Forze di polizia regolari, agenti in assetto antisommossa e unita' del servizio di sicurezza del presidente del parlamento sono state inviate sul posto", ha riferito una fonte della sicurezza.
Intanto l'agenzia Interfax, citando una fonte della sicurezza, ha comunicato che tutti i militanti ceceni che hanno preso d'assalto il parlamento di Grozny sono stati uccisi.
I ribelli sarebbero tutti islamici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©