Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dopo il carcere il mare per l'ex primula rossa

Cesare Battisti va in ferie: "Rio, come Napoli l'adoro"


Cesare Battisti va in ferie: 'Rio, come Napoli l'adoro'
14/08/2011, 19:08

Rio De Janeiro - Al posto delle patrie galere, l'ex terrorista rosso Cesare Battisti se ne va in ferie sulle spiagge di Copacabana e Rio. Dopo il tormentone invernale sulla posizione assunta dai giudici brasiliani che non hanno estradato il terrorista in Italia, una ulteriore doccia fredda giunge sul capo delle istituzioni italiane: battisti se ne va al mare a preparare il suo nuovo libro sulla verità inedita della sua vita. A parlarne è la rivista carioca Papuda che ha avvicinato l'ex esponente dei Proletari armati per il comunismo. "Non ho nessuna voglia di andarmene dal Brasile, ormai sogno perfino in portoghese. Adoro Rio, le spiagge, le belle ragazze, la gente cordiale, mi ricorda Napoli e Marsiglia, posti dove mi è piaciuto stare". Queste le prime battute di Battisti al tabloid brasiliano. Poi l'ex primula rossa ha precisato: "Non ho ammazzato nessuno, sono finito in una disputa politica, stritolato in mezzo alla disputa tra forze politiche italiane con le quali non avevo niente a che vedere". Poi continua sottolineando: " Io non ho ferito e non ho ammazzato nessuno". Le dichiarazioni, rese alla rivista Piauì, hanno fatto immediatamente il giro del mondo causando non poco sconcerto anche nella politica italiana.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©