Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

L'omicida si è poi suicidato

Cina: ancora una strage in un asilo, 7 bambini uccisi


Cina: ancora una strage in un asilo, 7 bambini uccisi
12/05/2010, 10:05

LINCHANG (CINA) - Ancora una volta una strage in una scuola cinese dove ci stavano dei bambini. Questa volta è avvenuto nel villaggio di Linchang, nella provincia di Shaanxi, nel nord ovest del Paese. Un uomo di 48 anni, Wu Huanmin, ha fatto irruzione in un asilo della cittadina, armato di accetta e ha cominciato a colpire tutti coloro che erano presenti. Sui 20 bambini presenti, 5 bambini e due bambine sono rimasti uccisi ed altri 11 sono stati feriti. E' stata uccisa anche una insegnante, Wu Hongying, e un altro adulto è rimasto ferito. Dopo l'irruzione, l'uomo è tornato tranquillamente a casa sua, e poi si è suicidato, secondo quanto riferito dalla Polizia. Non sono stati resi noti i motivi del suo gesto.
Si tratta del sesto caso in due mesi, di persone che entrano in una scuola - asili o scuole elementari - armati solo di armi bianche, come coltelli o una accetta, e che seminano il terrore con una strage. Finora il bilancio di questi attacchi è stato di 15 bambini morti ed 80 feriti, un numero così elevato che il premier Wen Jiabao e il Presidente Hu Jintao hanno dato ordine di rafforzare la sorveglianza vicino alle scuole.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©